La capra benefattrice

In una cascina vivevano marito e moglie con tutti i loro animali: pecore, galline, anatre, mucche e vitelli. Avevano una sola capra, Genoveffa e un caprone.

La coppia aveva un figlio che si chiamava Mario.

Un giorno la moglie mise al mondo un altro bellissimo bambino che chiamarono Andrea. Era pacciuto, con due splendide guancette rosee.

I genitori erano contentissimi ma purtroppo la mamma si accorse di non poter allattare il piccolo per mancanza di latte.

Dopo vari tentativi capirono che dovevano somministrare al piccolo altro latte e pensarono subito a Genoveffa.

capra 1

Sapevano che il latte di capra era leggero e nutriente. Cominciarono così a mungere la capretta per ottenere il prezioso alimento.

Andrea cresceva bene e tutti erano contenti. Tutti fuorchè Mario, il fratello maggiore. Era invidioso! Lui era sempre stato gracilino, esile mentre Andrea godeva di ottima salute.

Cominciò così, di nascosto, a bere parte del latte di capra destinato al fratellino. Quando la mamma doveva farlo bollire il contenitore era sempre mezzo vuoto.

I due contadini non riuscivano a capire chi potesse rubare il latte. Il gatto? Il cane?

Come potevano fare, Andrea aveva sempre fame e il latte non bastava, dovuto al fatto che qualcuno lo beveva.

Al contadino venne un’idea: far succhiare direttamente da Andrea il latte dalla capra.

E così fece! Il piccolo e la capra diventarono inseparabili.

capra 2

Ma un giorno Genoveffa partorì due splendidi capretti, non poteva quindi più donare il suo latte ad Andrea. Doveva allattare i due piccoli caprettini.

capretti

Ma ormai il bimbo aveva un anno, per cui poteva nutrirsi con altri alimenti.

Quando però i capretti ebbero 6 mesi il contadino comunicò alla moglie che voleva sopprimerli, cucinarli e fare una grande festa con tutti gli altri contadini della zona. Ma la moglie si oppose!

Era riconoscente verso Genoveffa, aveva salvato suo figlio e poteva sdebitarsi solo salvando i due capretti. E così fu!

Continuarono a vivere tutti insieme e anche Mario capì il suo errore. Aveva sbagliato ma tutto si era concluso bene.

Morale: solo donando si riceve.

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookShare on Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *