Immaginario coronavirus bambini

Perché questa pagina dedicata ai bambini in una situazione così importante?
Il mio intento è stato quello di fornire uno spazio all’interno del mio blog perché ritengo che i bimbi, dal più piccolo al più grandicello, abbiano acquisito dentro loro stessi una consapevolezza e un’idea personale, in base anche all’età o al “sentito dire”, riguardo il Coronavirus.
Non è vero che i bambini non abbiano niente da dire riferito a questo. Lo stanno vivendo come noi, in primis, per loro è la prima volta che ne sentono parlare e che lo stanno affrontando ma anche per noi adulti è così.
Stiamo percorrendo insieme a loro questo cammino impervio, non abbiamo idea ancora di quanto percorso dobbiamo fare, così come loro.
Anche per i bimbi il mondo è cambiato, non solo riguardo i metodi di prevenzione e di igiene ma anche il modo diverso di affrontare la giornata. Non più amici, non più scuola e nemmeno visite ai parenti. Il parco giochi, il gelato, le uscite, la quotidianità sono spariti dal loro mondo. 

Con questo ritengo che i bimbi piccoli possano esprimere il loro pensiero riguardo questo “nemico invisibile” attraverso il disegno, che risulta un  importante canale comunicativo. 

E da qui l’idea di inserire nel blog i disegni dei bambini con uno scopo futuro che si spera possa essere realizzabile. 

Un ringraziamento particolare a tutti i genitori che hanno aderito a questo progetto.

Il treno della fantasia

Il nostro viaggio insieme è iniziato, abbiamo preso un fantastico treno. Con la nostra fantasia possiamo immaginarselo. La fantasia, questo dono che ci è stato donato gratuitamente e che usiamo molto poco. Con la fantasia possiamo fare tutto: diventare principi o principesse, volare su un tappeto volante, correre in mezzo a un bosco su un cavallo bianco, dipingere nel cielo un arcobaleno, raccogliere una stella e donarla a chi vogliamo bene. 

Ah, quante cose possiamo fare con la fantasia.

Adesso vi chiedo di usarla e di immaginarvi di viaggiare con i vostri compagni su un treno multicolare in mezzo alle nuvole. Per salire non ci vuole il biglietto. Il controllore del treno è un simpatico nonnetto con un grande sorriso. Nella sua divisa, stirata e immacolata, deve solo far salire chi ha un disegno in mano. Questo gli è stato comunicato e deve eseguirlo.

Voi, fantastici bimbi, siete arrivati puntuali, alcuni sono arrivati prima e, dopo aver consegnato il disegno al controllore, prendono posto sul comodissimo vagone. I sedili sono di raso rosso e blu, morbidissimi e comodissimi. Essi non sono numerati, ognuno può prendere posto dove vuole.

Non ci sono distanze da mantenere o mascherine da indossare. È d’obbligo abbracciarvi l’un l’altro.

Alla prossima fermata altri vostri compagni saliranno e si uniranno a voi e andrà avanti così finché tutti non sarete saliti.

Che il treno, nella vostra fantasia, possa sfrecciare veloce e farvi vedere spettacoli mozzafiato, cascate immense, praterie con centinaia di animali, foreste incontaminate e bimbi di tante nazioni diverse che corrono felici nei prati. Che le gallerie in cui entra il treno possano essere formati da tanti arcobaleni in fila, vicini uno all’altro.

A tutti voi allora auguro Buon viaggio!

I vostri disegni


Alessandro N.

   
Alessandro Z.


Alessio


Alice


Andrea


Carlotta


Edoardo 


Edoardo


Elena


Elisa


Francesca


Francesco


Gabriele


Gianni


Giorgia


Greta


Ilaria


Iole


Lorenzo


Luca


Ludovica


Luna


Maria


Matilde


Matteo


Melissa


Morgana


Nicholas


Noemi


Ruby


Samuele


Sara


Simone M.


Simone R.


Stefano


Vittoria