Alice Barber Stephen pittrice

Mi hanno colpito alcune immagini di questa pittrice americana, per cui ho raccolte notizie che trascrivo.

Alice Barber Stephens (1 luglio 1858 – 13 luglio 1932) nasce a Newark, nel New Jersey. Era l’ottava di nove figli nati da Samuel Clayton Barber e Mary Owen, che erano quaccheri.

Suo fratello minore, George, divenne anche lui illustratore.

Frequentò le scuole locali fino a quando, lei e la sua famiglia, si trasferirono a Filadelfia, in Pennsylvania. All’età di 15 anni divenne studentessa della Philadelphia School of Design for Women (ora Moore College of Art), dove studiò incisione su legno.

Fu ammessa all’Accademia delle Belle Arti della Pennsylvania nel 1876 (furono ammesse le donne del primo anno). Qui conobbe Charles H. Stephens che poi sposò e da cui ebbe un figlio, D. Owen.

Durante questo periodo accademico iniziò a lavorare con una varietà di materiali, tra cui oli in bianco e nero, lavaggi di inchiostro, carbone di legna, oli a colori e acquerelli. Nel 1879 fu scelta per illustrare una scena in classe dell’Accademia per Scribner’s Monthly dove riscontrò un ottimo risultato. Women’s Life Class , e fu il suo primo credito di illustrazione.

Nel 1880 lasciò l’Accademia per lavorare a tempo pieno come incisore. Il suo lavoro era molto richiesto per riviste illustrate popolari come Harper’s, la più vecchia rivista mensile di interesse generale in America e su cui rappresentava spesso scene domestiche con donne e bambini.       

    

La connessione di Stephens con Harper’s iniziò nel 1882 circa, quando stampò il lavoro di artisti e scrittori americani, come Winslow Homer e Mark Twain. Gran parte del suo lavoro è stato pubblicato su Harper’s Young People, una rivista americana sui bambini.

Tuttavia, il ritmo di lavoro di cominciò a influire sulla sua salute e, nel tentativo di recuperare, durante il 1886-1887 viaggiò in Europa per disegnare, studiare e riposare. A Parigi, studiò all’Académie Julian e all’Académie Colarossi. In quella città espose due opere, uno studio a pastello e incisioni, al Salon di Parigi nel 1887.

Al suo ritorno dall’Europa, Stephens riprese la sua carriera di illustrazione con contributi al Ladies ‘Home Journal e diversi progetti di libri per gli editori di Houghton Mifflin e Crowell .Probabilmente influenzata dai suoi viaggi in Europa (e potenzialmente da suo marito), iniziò anche a dipingere a olio.

Dopo un altro soggiorno europeo durante il 1901-1902, completò anche le illustrazioni per l’edizione del 1903 delle Piccole donne di Louisa May Alcott. A Parigi nel 1902, Maria Cristina di Spagna richiese che fosse lei a disegnare il suo ritratto.

Smise di lavorare nel 1926 e nel 1929 il Plastic Club di Filadelfia, che aveva contribuito a fondare, montò una retrospettiva del suo lavoro.

Morì nel 1932 a Thunderbird Lodge all’età di 74 anni, dopo un ictus e ora giace sepolta nel cimitero di West Laurel Hill a Bala-Cynwyd .

Dopo la sua morte, suo figlio Owen donò una collezione di disegni di Stephens alla Biblioteca del Congresso, che tenne una mostra durante la primavera del 1936. Nel 1984, il Brandywine River Museum presentò il suo lavoro in una grande mostra.

Notizie tratte da Wikipedia

 

 

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookShare on Google+

2 pensieri su “Alice Barber Stephen pittrice

  1. sara

    Ciao cara, molto interessante questo articolo e che disegni meravigliosi… Se penso al tempo in cui sono stati fatti, alla fatica che comportava la loro realizzazione, pazzesco!
    Mi ritrovo a sorridere pensando alle comodità di oggi ^_^ (ovviamente, senza nulla togliere al lavoro dei grafici e disegnatori moderni)
    Un abbraccio <3

    Rispondi
    1. lucia barabino Autore articolo

      Hai ragione cara Sara, si vedono online molti disegni e non si pensa mai al periodo in cui sono stati eseguiti. Un abbraccio

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *