La leggenda del Monoi. Il famoso Tiarè!

Ho avuto modo di vedere in televisione alcuni giorni fa un documentario sulla lavorazione del Monoi, ricavato dai fiori della Gardenia tahitensis, meglio conosciuta come Tiarè. Sono rimasta impressionata dalla visione di centinaia di fiori in coltivazione in piena terra e dal procedimento per ottenere il famoso olio, diffuso il tutto il mondo. Nel mio piccolo avevo avuto l’occasione di vedere alcuni fiori del Tiarè e di inebriarmi del profumo degli stessi, non riesco ad immaginare che cosa possa aleggiare in così tanta vegetazione. 

Questi fiori vengono raccolti a mano al mattino, ancora in boccio. Dopo la coglitura i fiori sono avvolti nelle loro foglie carnose per proteggerli dal sole e dalla disidratazione durante il trasporto. Poi i fiori freschi vengono immersi nell’olio di copra (olio che si estrae dalla polpa disidratata della noce di cocco). Il processo di macerazione dei fiori chiamato un ‘enfleurage’ dal francese, dura 15 giorni. Per ogni litro di olio di cocco occorrono esattamente 15 fiori di gardenia. Durante il processo di ammollo (macerazione), i più preziosi principi attivi e la fragranza dei fiori di tiare vengono lentamente rilasciati nella base dell’ olio di cocco, e quindi si ottiene l‘olio di Monoi, unico e particolare.

Come molti fiori altri fiori bianchi, che non sfruttano il colore ma l’intensità della fragranza le api, i fiori di Tiaré sbocciano la sera e nelle ore notturne. In alcune tradizioni delle isole del Pacifico, indossare un fiore di Tiaré indica lo status di relazione. Se il fiore è indossato sull’orecchio sinistro la persona è occupata, se indossato sull’orecchio destro significa che la persona è disponibile.

Il nome Gardenia tahitensis è un termine improprio perché la pianta non è nativa di Tahiti, ma delle grandi isole del pacifico. Il primo nome scientifico si basa infatti su campioni di Tahiti raccolti da Jules Dumont d’Urville nel 1824. Da qui il nome scientifico di Gardenia Tahitensis. Il nome Tiaré fa riferimento probabilmente al termine tiàra, cioè corona, per la forma dei fiori. Questa specie di profumatissima Gardenia dai fiori bianchissimi e’ la pianta piu’ popolare usata dai Polinesiani, tanto da rappresentare il simbolo nazionale di Tahiti.

Di leggende su questo fantastico fiore ne sono tante tante, ne cito due:

Una volta c’era una ragazza di bellezza incomparabile, chiamata Tiaitau. Diventò l’amante del re Tamatoa, e quando lui e i suoi guerrieri fecero la guerra alle loro canoe, gli chiese di aspettare il suo ritorno. Lei gli disse che sarebbe salita sulla montagna sacra, Temehani, per guardare il mare fino a quando non sarebbe tornato. Gli disse anche che avrebbe messo una noce di cocco nel buco chiamato Apo’o hihi ura.

La noce di cocco sarebbe passata attraverso la deriva della terra dall’isola all’isola, dopo Tamatoa. Ogni volta che aveva sete, gli disse che la noce di cocco sarebbe stata lì, e quando gli avrebbe fatto un buco e bevuto da essa, assaggiando l’acqua dolce sulle sue labbra, è come se avesse baciato lei.

Tiaitau osservò il ritorno del suo amante dalla cima del monte Temehani, ma quando vide il lampo di luce sul suo avaro abbandonato sulle onde e la sua canoa vuota che ondeggiava sull’oceano, si affrettò ad affondare il suo braccio nel terreno. Lo spezzò, in modo che il suo braccio crescesse come pianta e fiore. Se il suo amante fosse tornato , avrebbe sentito l’odore del suo profumo nel vento, e avrebbe potuto afferrare il fiore bianco che rappresentava la sua mano.

Poi si gettò nel cumulo di Apo’o hihi ura perché non poteva sopportare di aspettare dopo aver saputo con certezza che il suo re, che adorava tanto, era morto.

Il fiore che cresceva dove Tiaitau aveva piantato il suo braccio non avrebbe mai lasciato la montagna sacra, proprio come Tiaitau non l’avrebbe mai lasciata e non sarebbe mai cresciuta altrove ma solo là.

La seconda leggenda è simile:

” Una volta Vahine Moea , una giovane ragazza di una bellezza incomparabile vissuta nella valle di Araau a Raiatea, incontrò  un pescatore chiamato Ariifaite . Si sposarono ed ebbero una figlia che chiamarono Tiaitau .

Un giorno Ariifaite sentì alcune buone notizie: un missionario era arrivato sull’isola e stava insegnando l’alfabeto e come scrivere. Ariifaite si affrettò a informare la moglie che era felice di apprendere . Decisero quindi di andare a vivere a Opoa , il distretto in cui viveva il missionario, affinché la loro figlia, diventata una bella ragazza, potesse imparare l’alfabeto e scrivere. Tiaitau seguì le lezioni e quando diventò una giovane donna, incontrò il re Tamatoa e divenne la sua amante.

Qualche tempo dopo, il re Tamatoa lasciò Raiatea per unirsi a Re Pomare di Tahiti per la battaglia di Fei Pi . Il re, accompagnato dai suoi guerrieri, lasciò l’isola e l’amante. Chiese a Tiaitau di aspettarlo a casa. Tuttavia, la giovane donna disse al suo amante che si sentiva come se le stesse dicendo addio per l’ultima volta e che non lo avrebbe mai più visto.

Il re Tamatoa cercò di rassicurarla dicendo che era circondato dai suoi migliori guerrieri. Poi Tiaitau prese una noce di cocco e gli disse che sarebbe andata sul monte Temehani.

Lei gli disse:

“Metterò questa noce di cocco nel buco di Apo’o hihi ura . La noce di cocco percorrerà la metropolitana e si avvicinerà al mare alla fonte di Ura Piha. Da lì, la noce di cocco galleggerà da un’isola all’altra e ti seguirà. Se hai sete, prendi la noce di cocco, fai un buco e bevi la sua acqua, portando la bocca al tuo modo di fare il tuo bacio … “

Su queste parole, si separarono.

Si fermò alla caverna di Torea e si addormentò . La mattina successiva , andò alla piattaforma Tarei , guardò Taputapuatea e il passaggio sacro Te ava moa e esclamò:

“Oh, la tua pagaia sta brillando al sole, il mio amore. Sta brillando nella schiuma delle onde.

Poi ha continuato a Vaiumete dove ha fatto un bagno e bevuto acqua per dissetarsi.

Finalmente è arrivata ad Apoo hihi ura ; mise la noce di cocco nel foro, si alzò a destra e guardò ancora una volta in direzione di Taputapuatea e vide la canoa del suo amato:

“Oh mio amore, il tuo remo splende al sole nella schiuma delle onde. La tua canoa sta fluttuando sul mare; Oh! Il mio cuore fa male, fa male molto male, il mio amore! Io posso piantare il mio braccio al suolo del mio monte, poi fiorirà e il suo fiore avrà l’aspetto visivo della mia mano aperta. Sarà questa mano, diventata un fiore, che ti darà un cartello, o mio amore. Lascia che il mio amore ritorni rapidamente da me.

Poi guardò il buco di Apoo hihi ura e si lasciò cadere dentro a morire, perché il suo dolore era così grande e non poteva sopportare di apprendere un giorno la morte del suo re che adorava così tanto.

(Fonte: Patrimonio Tahiti – Félix Faaeva)

Lavorazione e macerazione del Tiarè

 

Email this to someonePrint this pageShare on FacebookShare on Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *